Un foglio dopo l'altro




Leggere fa bene all'anima.
Dipende da cosa si legge.
Per esempio: se devo leggere libri sul diritto amministrativo e sulla sperimentazione di bilancio per prepararmi a un concorso... ahimè.
Diciamo che lo sto facendo più mossa dalla curiosità di vedere dove mi porterà questa cosa.
So che devo studiare.
So che dovrei studiare di più.

Mi ricordo di quando leggevo libri e libri di poesia e letteratura all'università. Non era più facile, ma veniva più semplice.
Mi ricordo di quando piangevo commossa quando il mio professore di letteratura inglese leggeva un brano di Thomas Beckett o di T.S. Eliot.
No, i codici del diritto penale e del diritto alla privacy non mi commuovono.

Diciamo che le due cose partono, dentro di me, ma anche fuori, con un vantaggio a favore della letteratura.
La letteratura esiste per com-muoversi.
Diciamo che è più semplice, ma non più facile (studiare letteratura).
Diciamo che ora è meno semplice e meno facile (prepararsi per un concorso tale).
Mah.


Comments