Momenti d'essere

I compiti da fare al lavoro arrivano all'ultimo minuto secondo, le persone che devo sentire per realizzarlo non riesco a sentirle o quando le sento sono stringate o prolisse, la casa rischia di diventare uno sfacelo di polvere e ragnatele e il frigo piange, quasi mi scordo i compleanni degli amici (ahia) e i regali, qui nell'open space tutti alzano la voce e sghignazzano e io non sento la voce dall'altra parte del telefono, sono un mezzo casino dentro e quando mi sforzo di capirmi è il bello che non ci capisco una nespola, ma il bello è che in mezzo a tutto questo io mi sento... tutto questo è... bellissimo!!!

Comments